Come essere consapevoli delle proprie emozioni
Come esseri umani, tutti sperimentiamo una vasta gamma di emozioni. Da emozioni edificanti come la gioia e la soddisfazione a emozioni più impegnative come la rabbia e la tristezza, l’esperienza emotiva umana si presenta in molte sfumature. La consapevolezza delle emozioni è la pratica di testimoniare qualsiasi emozione stiamo vivendo, con curiosità, attenzione e non giudizio. Non è sempre una pratica facile, ma può essere rafforzata.

Cos’è e cosa non è la consapevolezza delle emozioni
Come già detto, la mindfulness delle emozioni è semplicemente la pratica di prestare attenzione alla nostra esperienza emotiva con attenzione e curiosità e senza giudizio. Molti di noi sanno che può essere difficile, soprattutto di fronte a emozioni forti come la rabbia, la gelosia o il dolore. Tuttavia, è un’abilità che può essere sviluppata con il tempo e la pratica.

Quando prestiamo attenzione alle nostre emozioni, lo facciamo senza considerare le nostre emozioni buone o cattive, giuste o sbagliate. Per esempio, in presenza di rabbia, prestiamo attenzione senza cercare di valutare la validità dell’emozione. Piuttosto, notiamo il semplice fatto che è presente, insieme a tutte le sensazioni dirette che stiamo provando (ad esempio, tensione nelle spalle o calore nel viso). Se notiamo una voce che dice: “Non dovrei sentirmi così” o “Ho ragione a sentirmi così”, anche queste possono essere tenute alla luce della consapevolezza. Non abbiamo bisogno di giudicare i nostri giudizi.

Inoltre, la consapevolezza delle emozioni non è una pratica utilizzata per “liberarsi” delle emozioni o per aggirarle. Le nostre emozioni possono cambiare o trasmutarsi come risultato della pratica, ma l’intenzione non è quella di cambiare con la forza o la volontà. Allo stesso modo, non si tratta di aggrapparsi alle emozioni. Questa pratica è semplicemente un’osservazione gentile che permette alla nostra esperienza del momento presente di essere ciò che è.

Come praticare la consapevolezza delle emozioni
Praticare la consapevolezza delle nostre emozioni è semplice, ma ciò non significa che sia facile. La consapevolezza è semplice, eppure possiamo fare fatica a calmare la mente e a sintonizzarci semplicemente con curiosità e compassione. Se siete curiosi di sapere come essere consapevoli delle vostre emozioni, considerate i seguenti passi da praticare. Questa pratica è utile per qualsiasi emozione difficile che si possa provare.

Tenete presente che la consapevolezza delle emozioni non sostituisce la terapia e che a volte può causare un’intensificazione delle emozioni. Se nel vostro passato ci sono traumi considerevoli, condizioni di salute mentale sottostanti o qualsiasi indicazione che questa pratica possa essere molto impegnativa per voi, consultate un professionista della salute prima di praticarla.

Trovate uno spazio sicuro per praticare.


Innanzitutto, la pratica della consapevolezza delle emozioni è migliore quando ci sentiamo in un ambiente sicuro e di supporto. Trovate un luogo sicuro e radicato dove sedervi, sistematevi in una posizione confortevole e fate alcuni respiri di compensazione. Potete anche scegliere di praticare con un professionista qualificato.

Riconoscere ciò che è presente.


Iniziate a notare ciò che è presente. Quale emozione riuscite a identificare? Mentre identificate l’emozione, vedete se riuscite a notare semplicemente che è qui, invece di attribuirle la vostra identità di “io”. In altre parole, potreste notare mentalmente “rabbia” piuttosto che dire “sono arrabbiato”. Questo aiuta a creare un po’ di distanza tra voi osservatori e l’emozione osservata. Inoltre, date il benvenuto all’energia della curiosità per entrare in questa pratica.

Notate cosa dice la mente.


Riconoscendo ciò che è qui, potreste diventare consapevoli dei pensieri o delle storie che la mente pensante vi sta raccontando. Per esempio, la vostra mente sta riproponendo la situazione che ha portato a questa emozione? State cercando di studiare una strategia per “superare” questa situazione? Notate tutti i pensieri presenti e poi tornate alla vostra esperienza diretta di questo momento. Se in qualsiasi momento la situazione diventa opprimente, concentratevi sul vostro respiro o su qualsiasi altro punto di riferimento. E ricordate: siete voi a controllare la vostra meditazione.

Notate ciò che è presente nel corpo.


Inoltre, possiamo praticare la consapevolezza delle emozioni notando come l’emozione appare nel nostro corpo fisico. Esaminate il vostro corpo con delicatezza e amore, dalla corona della testa alla punta dei piedi. Ci sono sensazioni associate a questa emozione? Potreste notare formicolio, freschezza, calore, tensione o altro. Prestate attenzione, pazienza e curiosità a qualsiasi cosa notiate.

Sfruttate l’autocompassione.


È inoltre indispensabile integrare l’autocompassione nella pratica della mindfulness. Di fronte a certe emozioni, potreste scoprire di essere duri con voi stessi. Aprite il vostro cuore all’amore per voi stessi, alla cura e al sostegno che vi viene dall’interno. Se è difficile coltivare l’autocompassione, considerate cosa direste o come trattereste una persona cara che sta vivendo la stessa emozione. Offrite a voi stessi la stessa cura che offrireste a loro.

Permettete al momento di cambiare.


Infine, aprite il vostro cuore alla consapevolezza che tutte le cose cambiano. Non dovete forzare il cambiamento; esso avverrà naturalmente da solo. Se vi accorgete di essere aggrappati a un’emozione, fate un respiro e vedete se riuscite ad ammorbidirla con l’espirazione successiva. Coltivate la pazienza e, come sempre, molta attenzione.

Domande frequenti


La mindfulness aiuta a controllare le emozioni?
Controllare significa avere autorità su qualcosa o dirigere qualcosa. La mindfulness delle emozioni non ha nulla a che vedere con il controllo, ma si è visto che migliora la regolazione delle emozioni. Più specificamente, uno studio ha osservato che può aiutare a ridurre l’intensità dell’angoscia, a migliorare il recupero dalle emozioni e a migliorare la nostra capacità di impegnarci in comportamenti orientati agli obiettivi.

Come influisce la mindfulness sull’umore?
È stato dimostrato che la mindfulness ha un effetto positivo sull’umore. In effetti, uno studio ha rilevato che è più efficace della distrazione nel ridurre l’umore disforico. Oltre a ridurre gli stati d’animo disforici, uno studio ha rilevato che il monitoraggio aperto e l’accettazione (un principio chiave della mindfulness) possono aumentare la felicità, la calma e il vigore.

La mindfulness può innescare un trauma?
Anche in questo caso è importante sottolineare che sì, la mindfulness può far emergere i sintomi di un trauma. Per questo motivo si raccomanda spesso ai nuovi meditatori di esplorare queste pratiche con un insegnante. Può anche essere utile familiarizzare con la mindfulness sensibile al trauma e cercare pratiche che tengano conto del trauma.

Principali insegnamenti


La consapevolezza delle emozioni consiste nel prestare un’attenzione curiosa e non giudicante alla nostra esperienza emotiva.
La consapevolezza delle emozioni non significa sbarazzarsi delle emozioni o aggirarle. La trasmutazione delle emozioni può avvenire come risultato, ma questo non è uno sforzo attivo nella pratica della mindfulness.
Per coloro che soffrono di condizioni di salute mentale, di traumi passati o che hanno la sensazione che la pratica della mindfulness delle emozioni possa essere scatenante, si consiglia di praticare prima con un professionista qualificato.
L’autocompassione è fondamentale quando si pratica la consapevolezza delle emozioni. Se avete difficoltà a coltivare l’autocompassione, considerate le parole o l’energia che condividereste con qualcuno che amate se stesse lottando con questa stessa emozione. Offrite a voi stessi la stessa cura che offrireste a loro.

Mi auguro che questo articolo ti sia utile.

Un abbraccio di Luce,
Giorgia

error: Content is protected !!